Questo sito utilizza cookie Pi� informazioni

Sport e Business

Campionati europei al via: in palio 188 medaglie

di Emanuele Cuomo
02 Agosto 2018

I Campionati Europei 2018 hanno preso il via stamane da Glasgow. Nella prima giornata sono in programma gare di canottaggio, ciclismo su pista e ginnastica artistica. Oggi non verranno assegnate medaglie, ma a partire da domani e fino al 12 agosto gli atleti si affronteranno in 188 medal events. La manifestazione continentale si svolgerà in due nazioni diverse: Scozia e Germania. Tra Glasgow ed Edimburgo oltre 3.000 partecipanti si sfideranno nelle gare di nuoto, ginnastica artistica, ciclismo, tuffi, triathlon, golf e canottaggio.

In totale sul territorio scozzese sono presenti circa 8.500 addetti ai lavori, tra i tesserati delle Federazioni e gli operatori dell'informazione. A Berlino, dove si svolgeranno le gare di atletica, dal 6 al 12 agosto, gareggeranno circa 1.500 atleti. Grazie all'accordo di partnership siglato con l'European Broadcasting Union, le immagini dell'evento multisportivo possono essere viste potenzialmente da oltre 1 miliardo di telespettatori.

Tra gli sponsor ufficiali della competizione troviamo: la catena di distribuzione alimentare SPAR, i formaggi Le Gruyère Switzerland, il gruppo giapponese Toyo Tyres, Nike e Generali, nonché l'acqua scozzese Strathmore. In Scozia il 2018 è stato dedicato ai giovani, con il governo che ha profuso uno sforzo importante per garantire una undici giorni di sport ai massimi livelli. Tra le 52 nazioni partecipanti c'è anche l'Italia. La spedizione dell'italnuoto si compone di 82 atleti, mentre tra i 91 nomi che compongono la squadra italiana che parteciperà alla 24esima edizione degli Europei di Atletica, spicca quello di Daisy Osakue . La presenza della discobola, vittima di una aggressione a Moncalieri, è a rischio.

La Fidal ha comunicato che la decisione in merito alla partecipazione della Osakue verrà presa venerdì, quando l'atleta (ferita all'occhio sinistro) si sottoporrà ad un controllo oculistico, al fine di valutare se le condizioni cliniche e la terapia in atto siano compatibili con la partecipazione agli Europei.