Questo sito utilizza cookie Pi� informazioni

Parlamento

M5S, Andrea Mura: «Io assenteista? Più che parlamentare sono testimonial a difesa degli oceani»

di Nicoletta Cottone
23 Luglio 2018

Deputato o velista? «L'attività politica non si svolge solo in Parlamento, Si può svolgere anche su una barca. Io l'ho detto fin dall'inizio, anche in campagna elettorale, che il mio ruolo, più che quello di parlamentare, sarebbe stato quello di testimonial a difesa degli oceani». Lo ha affermato, nel corso di un'intervista alla Nuova Sardegna, il velista Andrea Mura, deputato del M5S accusato dal parlamentare di Forza Italia Ugo Cappellacci di essere campione dell’assenteismo a Montecitorio con il 96% delle assenze: «Su 220 votazioni ti sei presentato in aula solo 8 volte. Eppure non mi sembra che tu abbia rinunciato all'indennità da parlamentare di 20mila euro al mese», ha accusato Cappellacci. In merito al suo stipendio da deputato, «è probabile che quei soldi finiscano nel fondo microcredito istituito dal M5S. Ci sto pensando».

Quasi sempre vuoto il seggio 139 alla Camera
Seggio 139 dell’aula della Camera, cagliaritano, classe 1964, un diploma di istituto tecnico industriale nel cassetto e una laurea honoris causa in Scienze motorie, “Velista dell'anno” nel 2011 e nel 2014 , il deputato-velista nel corso dell’intervista ha affermato di andare a Montecitorio «una volta alla settimana, per la commissione Trasporti. Capisco l'incredulità, ma io l'ho detto fin dall'inizio al Movimento che non volevo fare il parlamentare ma il testimonial per salvare gli oceani dalla plastica».

Dai dati pubblicati su OpenParlamento il deputato su 220 votazioni elettroniche ha partecipato solo a 8 (il 3.64% di quelle complessive), ed è stato assente in 212 (quindi nel 96.36% dei casi). È stato cofirmatario di un solo disegno di legge (Istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre associazioni criminali, anche straniere), prima firmataria Dalila Nesci del M5S e cofirmatario di una interrogazione a risposta in commissione - prima firmataria Mirella Liuzzi del M5S - su quale sia lo stato dell'arte dei lavori per il completamento della linea ferroviaria Ferrandina-Matera.

Il M5S appoggia la mia battaglia
L'M5S «sapeva quale sarebbe stato il mio ruolo e mi appoggia in questa battaglia. D'altronde, con la maggioranza schiacciante che i Cinque Stelle hanno alla Camera, che io sia presente o meno non fa alcuna differenza», ha dettoMura.

M5S: capigruppo,se Mura vuole andare a vela si dimetta
In risposta al deputato-velista arriva la secca nota dei capigruppo M5S di Camera e Senato Francesco D'Uva e Stefano Patuanelli: «Se il deputato del M5S Andrea Mura ritiene di voler continuare a dedicarsi prevalentemente ad altre attività, trascurando il mandato che gli hanno assegnato i cittadini alla Camera, ha una sola via da seguire: quella di presentare le dimissioni da parlamentare».

A novembre parteciperà alla regata in solitaria sulla Rotta del rum
Ha detto che in novembre sarà impegnato nella 'Rotta del rum', una regata in solitario dalla Francia ai Caraibi. «Userò la mia imbarcazione davanti a due milioni e mezzo di spettatori e a 90 milioni di telecamere per trasmettere un messaggio fondamentale: salvate gli oceani dalle microplastiche. Per la prima volta uno sportivo ancora in attività sarà testimonial della Camera dei deputati su un tema che interessa tutti».

Cappellacci (Fi), Mura si deve dimettere
Intanto il forzista Ugo Cappellacci, anche lui eletto in Sardegna, attacca con un video pubblicvato sulla pagina Facebook: «Andrea Mura è il testimonial della casta a 5 stelle. Si dimetta e vada a fare la spalla agli spettacoli di Beppe Grillo». E insiste: «Mentre i comuni cittadini per ricevere uno stipendio devono andare a lavoro per Mura la logica per cui lo Stato ti paga e tu devi andare in Parlamento sarebbe un discorso moralista. Il “Marchese del Grillo” Mura dice che lui ha altro da fare e sta comodamente sulla sua barca. E aggiunge che lui non voleva fare il parlamentare ma il suo ruolo sarebbe quello di testimonial per salvare gli oceani. I famosi oceani - conclude Cappellacci - sardi e italiani? Delle due è l'una: o Mura non capisce quello che dice, oppure sa bene quello che fa ed allora farebbe meglio a dimettersi e dedicarsi allo spettacolo».