Questo sito utilizza cookie Pi� informazioni

Politica Economica

Pensioni, Fornero: «Quota 100? Da Salvini solo uno slogan. A pagare saranno i giovani»

di Francesca Barbieri
05 Settembre 2018

«Il diritto alla pensione di un 62enne, faccio una cifra a caso, vale un posto di lavoro e mezzo in più per un giovane». Lo ha dichiarato il vicepremier Matteo Salvini nell’intervista al Sole 24 Ore, precisando che il calcolo è frutto del confronto con medie e grandi aziende. L’obiettivo dunque «è quota 100 integrale, senza paletti».

Se dal mondo produttivo interpellato da Salvini sono piovuti consensi, non è così da quello accademico. Giuslavoristi ed economisti del lavoro interpellati dal Sole 24 Ore non sono sulla stessa lunghezza d'onda del ministro.
A partire da Elsa Fornero, l’autrice della riforma delle pensioni che il Governo punta a smantellare. «Rifiuto l’affermazione per cui per dare lavoro a una persona bisogna mandarne via un’altra: le economie che creano occupazione lo fanno per tutti, uomini, donne, giovani e meno giovani».

Sulla quota 100 annunciata dal vicepremier, il ministro del Lavoro del Governo Monti dice: «Bisognerà vedere come sarà declinata in pratica. Salvini si accorgerà che in politica è impossibile accontentare tutti». Se, ad esempio, si aumenta il periodo contributivo richiesto, si può abbassare l’età di pensionamento: «Così si accontentano di più gli uomini, ma di meno le donne che vantano meno anni di contributi - spiega Fornero -. Di sicuro ci sarà una categoria scontenta per definizione: sono i giovani e le generazioni future che dovranno pagarne i costi». Il conto di questo intervento, in effetti, dovrebbe essere piuttosto salato, si parla di diversi miliardi di euro.

«Risorse che presumibilmente si andranno ad aggiungere al debito pubblico - dice Fornero -. Va considerato poi che se si abbassa l’età del ritiro dal lavoro, in futuro si avranno problemi per assegni pensionistici che avranno perso potere d’acquisto, per cui serviranno altri interventi pubblici di tipo assistenziale».

Non è chiaro poi come la nuova quota 100 si inserirà nel complesso della normativa attuale: «Si introduce un parametro esogeno - avverte Fornero - e non si capisce se verrà adeguato o meno all’aspettativa di vita. Si considerano poi età e contributi, ma non gli importi della pensione. E non è noto che fine faranno l’Ape volontaria e quella sociale». Il rischio insomma è che «questi numeri introdotti sulla base di slogan possano creare disparità di trattamento e produrre costi elevati per i giovani».

Tra gli addetti ai lavori poi si sottolinea come un abbassamento dell’età pensionabile già da gennaio 2019 potrebbe far piovere un gran numero di domande nei primi mesi dell’anno prossimo, con costi rilevanti già da subito.
«Quota cento può andare bene oggi – dice Michele Tiraboschi, direttore di Adapt - ma non per i più giovani che con carriere discontinue fatte di lavori temporanei e intermittenti non riusciranno a raggiungere contributi sufficienti».

Secondo Tiraboschi si tratta di «una bella favola, che si basa un’idea del tutto sbagliata che per dare lavoro ai giovani bisogna toglierlo ai senior. Già in passato sono state fatte esperienze fallimentari in tal senso che hanno addirittura complicato il lavoro dei giovani». Per il giuslavorista bisognerebbe pensare ad aumentare l’occupazione «di 10-15 punti percentuali: il problema non è mandare in pensione gli anziani, ma tenere alta l’occupazione, anche per gli over 55».

Stefano Scarpetta, direttore del dipartimento Lavoro e affari sociali dell’Ocse, ribadisce che «non esiste una correlazione piena tra pensionamenti e nuove assunzioni. In realtà i paesi che hanno alti tassi di occupazione tra i senior non hanno problemi di disoccupazione giovanile». Se quindi nel breve periodo si potrebbero liberare posti a favore dei giovani, in un’ottica di lungo periodo invece «sarebbe inevitabile l’aumento del costo del lavoro e in un paese che sta invecchiando, quale è l’Italia, si creerebbe un problema di sostenibilità del sistema pensionistico». La grande scommessa, secondo Scarpetta, è creare occupazione con investimenti sulla formazione professionale, non solo per i giovani, ma anche per riqualificare i lavoratori più anziani.

Una voce fuori dal coro è quella di Luigi Campiglio, docente di politica economica all’università Cattolica di Milano. «Non si creano posti di lavoro con la quota cento - precisa -, però da un punto di vista microeconomico, mettendosi nell’ottica di un’azienda in salute con dipendenti che potrebbero uscire grazie a questa misura questo potrebbe portare all’assunzione di nuove leve, con un effettivo turnover».