Questo sito utilizza cookie Pi� informazioni

Sport e Business

Al via la Uefa Nations League: ecco come funziona la nuova competizione

di Emanuele Cuomo
06 Settembre 2018

Al via la Uefa Nations League, la nuova competizione riservata alle nazionali di calcio europee. Il torneo si svolgerà ogni due anni e va a sostituire le partite amichevoli nel calendario internazionale. L’obiettivo dell’Unione delle Associazioni calcistiche Europee è quello di giocare sfide di buon livello tecnico e dagli alti contenuti agonistici. I vertici del calcio europeo puntano a garantire alle rappresentative nazionali quella visibilità assicurata sino ad oggi solo dalla Coppa del Mondo e dai Campionati Europei. Alla Nations League partecipano 55 squadre, divise in quattro leghe (A-B-C-D) in base al ranking Uefa per coefficienti.

Ogni lega è suddivisa in quattro gironi da tre o quattro squadre. Le partite della prima fase si disputeranno tra settembre e novembre 2018, con sfide di andata e ritorno. La formula del torneo prevede promozioni e retrocessioni. Le prime classificate dei gruppi delle leghe B, C e D otterranno la promozione alla lega successiva, mentre le ultime dei raggruppamenti A, B e C retrocederanno. Le vincitrici dei quattro gruppi della Lega A disputeranno le fasi finali, che si terranno a giugno 2019 (la nazione ospitante verrà scelta a dicembre 2018). La prima vincitrice della Uefa Nations League conquisterà premi per un valore totale di 7,5 milioni di euro.

Infatti, alle prime di ogni gruppo di Lega A spettano 1,5 milioni di bonus, a cui vanno aggiunti altri 1,5 milioni come contributo di solidarietà. Inoltre, la compagine che avrà la meglio nella fase finale si porterà a casa 4,5 milioni di euro. Alla finalista, oltre ai 3 milioni tra bonus e contributo, vanno 3 milioni. La terza e la quarta, invece, dovranno accontentarsi rispettivamente di altri 2,5 e 1,5 milioni. Le nazionali delle altre divisioni possono guadagnare sino a 2 milioni in Lega B, 1,5 milioni in Lega C e 1 milione in Lega D. La Nations League mette in palio anche quattro posti per EURO 2020, con le 16 migliori squadre dei gironi (non qualificate per gli Europei) che si affronteranno agli spareggi. L'Italia, inserita nel gruppo 3 di Lega A, con Polonia e Portogallo, farà il suo esordio domani contro i polacchi, con diretta tv su Rai 1 dalle ore 20.45. Le altre sfide della Nations League saranno visibili anche sui canali Mediaset, con Canale 5 che manderà in onda Germania-Francia (oggi) e Inghilterra-Spagna (sabato).

I gironi della UEFA Nations League
LEGA A
Gruppo 1: Olanda, Francia, Germania
Gruppo 2: Islanda, Svizzera, Belgio
Gruppo 3: Polonia, Italia, Portogallo
Gruppo 4: Croazia, Inghilterra, Spagna
LEGA B
Gruppo 1: Repubblica Ceca, Ucraina, Slovacchia
Gruppo 2: Turchia, Svezia, Russia
Gruppo 3: Irlanda del Nord, Bosnia-Erzegovina, Austria
Gruppo 4: Danimarca, Repubblica d'Irlanda, Galles
LEGA C
Gruppo 1: Israele, Albania, Scozia
Gruppo 2: Estonia, Finlandia, Grecia
Gruppo 3: Cipro, Bulgaria, Norvegia
Gruppo 4: Lituania, Montenegro, Serbia
LEGA D
Gruppo 1: Andorra, Kazakistan, Lettonia, Georgia
Gruppo 2: San Marino, Moldavia, Lussemburgo, Bielorussia
Gruppo 3: Kosovo, Malta, Isole Faroe, Azerbaigian
Gruppo 4: Gibilterra, Liechtenstein, Armenia, Macedonia

I PREMI
I premi di solidarietà per ogni Nazionale:
Lega A: 1,5 milioni di euro
Lega B: 1 milione di euro
Lega C: 750 mila euro
Lega D: 500 mila euro
I bonus per le vincitrici dei Gruppi:
Lega A: 1,5 milioni di euro
Lega B: 1 milione di euro
Lega C: 750 mila euro
Lega D: 500 mila euro

I premi per le quattro squadre di Lega A, che a giugno 2019 si contenderanno il trofeo della UEFA Nations League:
Vincitrice: 4,5 milioni di euro
Seconda: 3,5 milioni di euro
Terza: 2,5 milioni di euro
Quarta: 1,5 milioni di euro