Questo sito utilizza cookie Più informazioni

Attualita

Volo Eurowings parte da Düsseldorf per la Sardegna, ma l’aeroporto di Olbia è chiuso

di Biagio Simonetta
23 Maggio 2020

Se non fossimo in piena pandemia, sarebbe una storia da film comico. E invece è successo veramente. Un Airbus A320-200 della Eurowings, partito il 23 maggio mattina da Düsseldorf alle 6.20 a bordo e diretto a Olbia, ha dovuto fare marcia indietro una volta arrivato sui cieli della Sardegna. Con buona pace di qualche decina di passeggeri che era a bordo. Il motivo? Lo scalo principe della Costa Smeralda è ancora chiuso a causa del coronavirus.

Una storia bizzarra, che per fortuna si è chiusa senza nessuna conseguenza (l'aereo aveva abbastanza carburante e il comandate ha deciso di tornare a Düsseldorf). Ma che lascia aperti molti interrogativi sulle comunicazioni aeroportuali.
La Geasar, società che gestisce lo scalo sardo, ha fatto sapere all’agenzia Ansa che sono state fatte tutte le comunicazioni previste in caso di inattività dello scalo, in particolare il cosiddetto Notam Notice to airmen, ossia l'avviso utilizzato dai piloti per le informazioni su un determinato aeroporto.
Rimane da capire, allora, cosa non ha funzionato. A sbirciare dai servizi radar che si trovano online, si nota che l'Airbus A320 EW9944 era partito da Düsseldorf alle 6:29 di stamattina (con 9 minuti di ritardo rispetto all'orario previsto).

Dopo circa un'ora e mezza di volo, in cabina si accorgono che lo scalo di Olbia è però chiuso. Sono circa le 8 del mattino e il velivolo inizia a volare attorno all'aeroporto, in attesa di un ok all'atterraggio che non arriverà. Così, dopo circa mezzora di tentativi vani, il comandante decide di tornare in Germania.

Ma perché è successo tutto questo? È giusto ricordare che ad oggi il Ministero dei Trasporti e la Regione Sardegna non hanno ancora dato il via libera all'apertura dei voli commerciali per gli scali nell'isola. Voli che riprenderanno regolarmente a partire dal prossimo 3 giugno con i collegamenti in continuità territoriale con oneri di servizio pubblico, mentre bisognerà attendere il 15 giugno per altri voli nazionali e il 25 per quelli internazionali. L'Airbus di Eurowings, insomma, era arrivato con oltre un mese di anticipo.